Storia memoria romanzo - Aix-Marseille Université Access content directly
Books Year : 2022

Storia memoria romanzo

Claudio Milanesi

Abstract

Novels of invention and non-fiction unexpectedly go in the same direction, making the narrative evolve in the exact opposite direction to those extreme positions that claim that history and novel are nothing more than two interchangeable types of narratives. In every novel, the dividing line between the true and the invented is variable and jagged. The studies collected here on the novels of Valerio Evangelisti, Antonio Moresco, Antonio Scurati and Umberto Eco are examples of how writers know how to question our relationship with the past and with truth. The mixture of genres - narrative, enquiry, political essay, attempt at historical reconstruction - that has given shape to non-fiction and the literature of memory is also based on a narrative of the past imbued with the voice of the subject. And it enters into an unwritten pact with its reader, who stipulates that the tale narrates events that have taken place. The works of Corrado Stajano and the special issues of the Diario della Settimana Memoria bear witness to this. However, neither novels nor non-fiction rewrite history: they interrogate it, they tell stories from transversal and unprecedented points of view. And in the most experimental cases, such as Il cimitero di Praga, the fake that is concentrated in the novel paradoxically serves the understanding of the true of the dynamics of History. In both cases, our ability to know what happened, and to establish the existence of a clear-cut distinction between truth and falsehood, is then not weakened, but strengthened.
Romanzi di invenzione e non fiction vanno inaspettatamente nella stessa direzione, facendo evolvere la narrazione in direzione esatta e contraria a quelle posizioni estreme che sostengono che storia e romanzo non siano altro che due tipi di racconti intercambiabili. In ogni romanzo, la linea di discrimine fra il vero e l’inventato è variabile e frastagliata. Gli studi qui raccolti sui romanzi di Valerio Evangelisti, Antonio Moresco, Antonio Scurati e Umberto Eco, sono altrettanti esempi di come gli scrittori sappiano interrogare il nostro rapporto col passato e con la verità. La mescolanza di generi – narrazione, inchiesta, saggio politico, tentativo di ricostruzione storica - che ha dato forma alla non fiction e alla letteratura della memoria si fonda anch’essa su un racconto del passato intriso della voce del soggetto. E stringe un patto non scritto col suo lettore, che stipula che il racconto narri fatti avvenuti. Le opere di Corrado Stajano e dei numeri speciali sulla Memoria del Diario della Settimana ne sono una testimonianza. Però, né romanzi e né non fiction riscrivono la Storia: la interrogano, raccontano storie da punti di vista trasversali e inediti. E nei casi più sperimentali, come Il cimitero di Praga, il falso che si concentra nel romanzo serve paradossalmente alla comprensione del vero delle dinamiche della Storia. In entrambi i casi, la nostra capacità di conoscere i fatti avvenuti, e di stabilire l’esistenza di un netto discrimine fra verità e menzogna, ne esce allora non indebolita, ma rafforzata.
Fichier principal
Vignette du fichier
Milanesi Storia memoria romanzo.V2.pdf (578.08 Ko) Télécharger le fichier
Origin : Explicit agreement for this submission
Licence : Copyright

Dates and versions

hal-03966564 , version 1 (19-02-2023)

Licence

Copyright

Identifiers

  • HAL Id : hal-03966564 , version 1

Cite

Claudio Milanesi. Storia memoria romanzo: Reinventare la Storia con le storie. Carabba, 2022, 978-88-6344-696-8. ⟨hal-03966564⟩
18 View
1 Download

Share

Gmail Facebook X LinkedIn More